Senigallia Atto

Acquisizione al patrimonio comunale area urbana sita in via Giovanni Marchetti snc, distinta al Catasto fabbricati al foglio 9, particella 762, sub 1

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2020/16 del 27 febbraio 2020

Presentazione
Approvazione
27.2.2020

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 16 
Seduta del 27/02/2020
OGGETTO:	ACQUISIZIONE AL PATRIMONIO COMUNALE AREA URBANA SITA IN VIA GIOVANNI MARCHETTI SNC, DISTINTA AL CATASTO FABBRICATI AL FOGLIO 9, PARTICELLA 762, SUB 1.
L’anno duemilaventi addì ventisette del mese di febbraio alle ore 15:00  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Pedroni Luana*-2 Beccaceci Lorenzo *-15 Perini Maurizio*-3 Bedini Mauro*-16 Pierfederici Mauro*-4 Brucchini Adriano-*17 Profili Vilma*-5 Canestrari Alan-*18 Rebecchini Luigi*-6 Da Ros Davide*-19 Romagnoli Simona*-7 Fileri Nausicaa*-20 Romano Dario*-8 Gregorini Mauro*-21 Salustri Maurizio*-9 Mandolini Riccardo*-22 Santarelli Luca-*10 Mangialardi Maurizio-*23 Sardella Simeone-*11 Martinangeli Stefania*-24 Sartini Giorgio*-12 Palma Elisabetta*-25 Urbinati Sandro*-13 Paradisi Roberto-*T O T A L E     P R E S E N T I    N° 19

 Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*- Mraihi MohamedConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bomprezzi Chantal, Bucari Simonetta, Giuliani Ludovica, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Pedroni Luana; 2° Salustri Maurizio;  3° Rebecchini Luigi .





Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 4 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: ACQUISIZIONE AL PATRIMONIO COMUNALE AREA URBANA SITA IN VIA GIOVANNI MARCHETTI SNC, DISTINTA AL CATASTO FABBRICATI AL FOGLIO 9, PARTICELLA 762, SUB 1 e concede la parola all’Assessore Memè per la relazione introduttiva.

L’Assessore MEMÈ: Grazie Presidente. Come ho ricordato in Commissione, questa particella sta all’interno del Palazzo del Duca e faceva parte di tutto il complesso che è stato acquisito dal Comune nel 1997. Da un controllo attento ci siamo accorti che di tutte le particelle acquisite mancava quella da lei Presidente detta, ovverosia la particella numero 762 del foglio 9, sub 1 e con una trattativa bonaria siamo riusciti ad acquisirla e precisamente l'abbiamo acquisita a patrimonio quindi dell’Amministrazione comunale per un importo pari a 4.500 euro più IVA, per un totale di 5.490 euro. Questa particella fa sì che l’intero complesso di Palazzo del Duca, così come individuato nel 1997, diventa di piena proprietà dell’Amministrazione comunale; quindi ecco, questo atto ci mette nelle condizioni di acquisire a patrimonio questa particella. Grazie.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: Grazie Assessore. Bene apriamo la discussione generale; non vedo interventi quindi chiudiamo la discussione generale. Dichiarazioni di voto sulla pratica: Consigliere Sartini, prego.

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): Grazie Presidente. Questa è l’unica delle tre pratiche per cui voterò positivamente, anche perché è abbastanza semplice ed è stata approfondita in Commissione per i punti che potevano apparire un pò oscuri, quindi esprimo già fin d’ora il voto favorevole.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: Grazie Consigliere Sartini. Bene non ci sono altri interventi e dichiarazioni di voto.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 4 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 19 voti favorevoli e nessun voto contrario, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 19 voti favorevoli e nessun voto contrario, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
VISTO l’argomento iscritto al punto 4 dei suoi lavori;
UDITA la relazione di Maurizio Memè;
PREMESSO che:
- con Deliberazione di Giunta Municipale n. 1378 del 16/12/1997, ratificata dalla Deliberazione di Consiglio comunale n. 160 del 23/12/1997, si decideva di procedere all’intervento sul palazzo del Duca e relativa Piazza per la richiesta di finanziamenti connessi al Grande Giubileo del 2000, ai sensi della Legge n. 270 del 07/08/1997;
- in data 22/12/1997 è stato proposto all’Ufficio per Roma Capitale e grandi eventi della Presidenza del Consiglio dei Ministri di Roma, l’intervento di Recupero Piazza e Palazzo del Duca per ubicazione Centro logistico e per l’Accoglienza a basso costo al  fine di ottenere i finanziamenti previsti dal Piano degli interventi di interesse nazionale relativi a mete storiche di percorsi giubilari e di pellegrinaggi ed a mete religiose tradizionali inerenti la celebrazione del Grande Giubileo del 2000 in località al di fuori del Lazio;
- l’intervento di Recupero di Piazza e Palazzo del Duca è stato ammesso ai finanziamenti ai sensi dell'art. 3 della Legge n. 270/97; 
- il progetto preliminare per l’intervento di cui sopra è stato approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 96 del 06/07/1998, mentre il progetto definitivo, corredato del parere degli Enti preposti, è stato ratificato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 770 del 05/08/1998;
- con successiva Deliberazione di Giunta Municipale n. 782 del 07/08/1998 è stato approvato il progetto esecutivo ai sensi dell'art. 1 della Legge n. 1/1978, nonché il piano parcellare di esproprio, rivestendo l’intervento carattere di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza;
- con Ordinanza sindacale n. 347 del 12/08/1998 è stata disposta l’occupazione temporanea di urgenza dei beni immobili, secondo il piano particellare approvato, comprendenti tra l’altro anche le proprietà della società Duca Immobiliare S.r.1., del Sig. Capaldo Antonio e della società Domus 2000 S.r.l.;
- con Deliberazione di Giunta municipale n. 867 del 19/09/1998 è stata approvata la convenzione tra il Comune di Senigallia e i soggetti sopraindicati per la cessione bonaria delle proprietà in luogo dell’esproprio, come di seguito meglio precisato:
·	 	La Soc. Duca Immobiliare S.r.l. si obbligava a cedere in via bonaria i sotto indicati beni e diritti:
-	unità immobiliare posta al piano seminterrato con accesso sia da via Marchetti, sia da via Arsilli e individuata al N.C.E.U. al Foglio n. 9 Particella 460 sub 9 di superficie di mq. 348 circa, con annesse corti comuni distinte alle Particelle n. 746 e 762;
-	unità immobiliare posta al piano primo con accesso da via Marchetti e individuata al N.C.E.U. al Foglio n. 9 ex Particella n. 460 sub 10 poi Particella 460 sub 25 - 26 - 27 - 28 della superficie di mq. 348 circa, con annessa corte comune distinta alla Particella n. 762 e vano scala condominiale;
-	la quota di 1/2 della proprietà di parte della unità immobiliare individuata al N.C.E.U. al Foglio n. 9 Particella 460 sub.7, nonché la quota di ½ della proprietà di parte della unità immobiliare individuata al N.C.E.U. al Foglio 9 Particella 460 sub. 8 e più precisamente delle parti corrispondenti all'ingombro della scala, cosi come prevista nel progetto esecutivo approvato con Deliberazione di Giunta municipale n. 782 del 07/08/1998;
·	La Domus 2000 S.r.l. si obbligava a cedere in via bonaria l’unita immobiliare distinta al N.C.E.U. al Foglio n. 9 Particella 460 sub.13;
·	Il Sig. Capaldo Antonio si obbligava a cedere in via bonaria l’unita immobiliare distinta al N.C.E.U. al Foglio n. 9 Particella 460 sub. 21;
- con Deliberazione di Giunta municipale n. 103 del 01/02/1999 venivano stabiliti i vari corrispettivi da liquidare alle società suindicate e conferito l’incarico al Notaio Dalmazio Sgolacchia per la stipula dell’atto notarile di cessione degli immobili, il quale, con atto Rep. 159356 del 01/03/1999, formalizzava tale cessione dalle società Duca Immobiliare S.r.1., Domus 2000 S.r.1. e dal Sig. Capaldo Antonio all’Amministrazione Comunale; 
- a seguito di una successiva vendita da parte della Duca Immobiliare S.r.l. ad altra ditta privata di beni non oggetto della procedura espropriativa, è emerso che la corte comune, identificata nelle mappe di allora del N.C.E.U. (Nuovo Catasto Edilizio Urbano) con la Particella 762, era in realtà suddivisa in 2 subalterni, la 762 sub 2 come corte comune e la 762 sub 1 come corte privata di mq. 22, rimasta quest'ultima in proprietà alla Duca Immobiliare S.r.l.;
RILEVATO che tale corte privata (Particella 762 sub 1) è rimasta esclusa, per quanto sopra evidenziato, dalla cessione bonaria effettuata, da parte della Duca Immobiliare S.r.l, a seguito della procedura espropriativa di cui in premessa;
RITENUTO che, al fine di completare la procedura di acquisizione, stabilita con la Deliberazione di Giunta municipale n. 103/1999, occorre acquisire la proprietà anche della citata corte privata, identificata con la Particella 762 sub 1;
CONSIDERATO che:
- il tecnico dell’Ufficio Patrimonio ha stimato il valore della corte, oggetto di acquisizione, applicando i parametri a suo tempo utilizzati nella cessione bonaria, rivalutati all’attualità, e proponendo l’importo di Ђ 4.500,00 + Iva, per un totale di Ђ 5.490,00;
- la suddetta proposta, acquisita al prot. n. 76772 del 29/10/2018, è stata accettata dalla proprietà, la cui attuale denominazione nel frattempo è cambiata in Duca Immobiliare di Capaldo Antonio & C. S.a.s.;
RITENUTO necessario e opportuno acquisire la proprietà anche di detta corte, come sopra identificata, precedentemente non compresa nella cessione bonaria di cui in premessa avente ad oggetto l'intero immobile;
VISTO il D.L. 26/10/2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla L. 19/12/2019 n. 157 che ha disposto, all’art. 57 comma 2 lett. f) quanto segue: A decorrere dall’anno 2020, alle Regioni, alle Province autonome di Trento e di Bolzano, agli Enti locali e ai loro organismi ed enti strumentali, come definiti dall’art. 1 comma 2 del D.Lgs.  23/06/2011 n. 118, nonchè ai loro enti strumentali in forma societaria cessano di applicarsi le seguenti disposizioni in materia di contenimento e di riduzione della spesa e di obblighi formativi (....omissis) f) art. 12 comma 1 ter del D.L. del 06/07/2011 n. 98, convertito con modificazioni dalla L. 15/07/2011 n. 111;
RITENUTO, dunque, alla luce della predetta normativa, di poter procedere all’acquisto della corte in argomento;
PRESO ATTO dei pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs. 18/8/2000 n. 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;

D E L I B E R A
1°) -	DI RITENERE le premesse parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) -	DI ACQUISIRE dalla Società Duca Immobiliare di Capaldo Antonio & C. S.a.s., C.F. 01303690422, ai sensi dell’art. 57 comma 2 lett. f della L. 19/12/2019 n. 157, la proprietà dell’area distinta al Catasto Fabbricati al Foglio 9 Particella 762 sub 1 di mq. 22, come meglio identificata nella allegata planimetria, precedentemente non compresa nella cessione bonaria di cui in premessa;
3°) -	DI STABILIRE che il prezzo dell’acquisizione a corpo, secondo la stima effettuata dal tecnico dell’Ufficio Patrimonio, è pari ad Ђ 4.500,00 oltre Iva, per un totale di Ђ 5.490,00 (cinquemilaquattrocentonovanta/00);
4°) -	DI DARE ATTO che l’acquisizione oggetto della presente deliberazione trova copertura nel bilancio finanziario armonizzato 2020/2022;
5°) -	DI STABILIRE che si provvederà, con successivi e separati atti, all’impegno della somma prevista e alla sua successiva liquidazione;
6°) -	DI DARE MANDATO al Dirigente dell'Area Risorse Umane e Finanziarie per dare concreta attuazione alla presente deliberazione e sottoscrivere, ai sensi dell’art. 107 comma 3 del D.Lgs. n. 267 del 18/08/2000, l’atto di compravendita;
7°) -	DI STABILIRE che la stipula dell’atto di compravendita sarà a cura del Segretario Generale Dott. Stefano Morganti;
8°) -	DI STABILIRE che le spese contrattuali, dipendenti e conseguenti, relative allo stipulando atto saranno a carico del Comune di Senigallia acquirente, secondo quanto dettato dalla normativa vigente in materia;
9°) -	DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000 n.267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-

• • • • • •




Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 12 agosto 2020 al 27 agosto 2020 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 28 agosto 2020	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 23 agosto 2020, essendo stata pubblicata il 12 agosto 2020.
Lì, 24 agosto 2020	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,