Senigallia Atto

Permuta aree in località Montignano in via del Casale

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2016/58 del 29 giugno 2016

Presentazione
Approvazione
29.6.2016

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore con delega a risorse finanziarie e patrimoniali, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 18 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 58 
Seduta del 29/06/2016
OGGETTO:	PERMUTA AREE IN LOCALITÀ MONTIGNANO – VIA DEL CASALE - SIGG. MANCINELLI CORRADO, VERZOLINI ANGELA E PANONI STEFANO
L’anno duemilasedici addì ventinove del mese di giugno alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto-*2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Bozzi Marco*-17 Pierfederici Mauro*-5 Brucchini Adriano*-18 Profili Vilma*-6 Canestrari Alan*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa-*20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Messersì Daniele*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 23

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto-*
Sono altresì presenti gli assessori: Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria.
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Pierfederici Mauro; 2° Profili Vilma;  3° Rebecchini Luigi .

Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 6 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: PERMUTA AREE IN LOCALITÀ MONTIGNANO – VIA DEL CASALE - SIGG. MANCINELLI CORRADO, VERZOLINI ANGELA E PANONI STEFANO e concede la parola all’Assessore alle Risorse Patrimoniali, Gennaro Campanile, per la relazione introduttiva.

L’Assessore CAMPANILE: questa è una delibera che risponde finalmente ad un’istanza che i proprietari residenti in via del Casale a Montignano, Verzolini e Panoni, hanno chiesto già da diverso tempo e che regolarizzeremo. A seguito dei lavori eseguiti per l’allargamento di via del Casale a Montignano circa dieci anni fa è stata occupata una porzione di terreno di proprietà dei signori Mancinelli, Verzolini, Panoni, identificata dai dati catastali che avete in delibera. Contestualmente alla ristrutturazione dei fabbricati adiacenti sempre in via del Casale, nella fattispecie la realizzazione della recinzione, è stata occupata una porzione di terreno di proprietà comunale catastalmente identificata al catasto terreni al foglio 38 come trovate sempre in delibera. Oggi con questo provvedimento andiamo a regolarizzare una situazione che non rispondeva ai titoli né per quanto riguarda la parte stradale al Comune, né per quanto riguarda i proprietari, quindi accogliamo questa istanza con cui i proprietari chiedono di regolarizzare l’accatastamento, quindi oltretutto un pezzo di strada risulta privata con anche tutte le conseguenze che ne possono derivare in caso di incidente, regolarizzeremo facendo una compensazione equa tra le aree da cedere e quella da acquisire, e tutta la regolarizzazione di questa annosa questione sarà a carico dei privati per le spese di frazionamento e accatastamento. Stiamo parlando di otto metri e novantacinque centimetri di una strada che sarà acquisita dal Comune di Senigallia, mentre di tre metri e venti di corte, quindi sarà quell’area che invece il Comune cederà appunto ai proprietari Mancinelli, Verzolini, Panoni. Regolarizziamo con questo atto queste due aree e poi concluderemo appunto attraverso il frazionamento l’iter.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: come avete visto è stato distribuito un emendamento a tutti. Apriamo il dibattito generale nel frattempo. Non vedo interventi quindi chiudiamo la fase di dibattito. L’Assessore Campanile vuole brevemente riepilogare l’emendamento.

L’Assessore CAMPANILE: siccome acquisiamo 8,95 metri quadrati di strada e cediamo però 3,20 metri quadrati di corte abbiamo la necessità di inserire all’interno della premessa una frase e anche al punto uno che si ripete sempre la stessa frase: ritenuto opportuno declassare dal demanio comunale a patrimonio disponibile la porzione mappale 416 oggetto di cessione della superficie di mq. 3,20 da identificarsi con successivo frazionamento. Questo nella premessa e aggiungiamo anche nel primo punto sempre di prendere e dare atto di quanto in premessa dovrà essere inserita la dicitura di declassamento da demanio comunale a patrimonio disponibile della porzione del mappale 416 oggetto di cessione della superficie di mq. 3,20 che sarà chiaramente ceduta a proprietari in qualche modo come permuta.

Il SINDACO: a favore come dichiarazione di voto presidente perché son d’accordo sul metodo, quando ci sono occasioni di patrimonio che non servono al pubblico e possono facilitare il privato lo dovremmo assumere come modalità perché patrimonio improduttivo per il pubblico è un costo di gestione, di responsabilità e di inefficacia, quindi io Assessore ringrazio, continuate a fare questa ricognizione, ogni qual volta c’è la possibilità del pubblico di liberarsi di patrimonio non produttivo e rendere possibile invece al privato degli interventi io sono assolutamente d’accordo e penso che sia un percorso che dobbiamo mettere in campo anche con grande facilità.

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): dichiaro il mio voto di astensione più che intervento contro perché riguarda una valutazione di improduttività e comunque una valutazione su cui le Commissioni consiliari, i consiglieri non si sono potuti in nessun modo esprimere. Ritengo che sia un argomento che è stato affrontato dalla Giunta in sede di delibera di Giunta e ogni tipo di valutazione sfugge dalla nostra possibilità di verifica e di approfondimento per cui il fatto tutto sommato anche di prendere atto e visione dell’emendamento presentato all’ultimo minuto dall’Amministrazione, che ci informa che non si tratta di una semplice permuta di terreni ma addirittura siamo di fronte ad un declassamento da demanio comunale a patrimonio disponibile, io ritengo che per esprimere un voto favorevole che comunque ci potrebbe anche essere in una permuta relativa ad aree con privati eccetera, però in questo caso non c’è la cognizione della questione, non c’è l’aver preso visione e l’aver potuto approfondire la bontà della cessione e dell’operazione svolta dalla Giunta e proposta al Consiglio, quindi mi astengo.

L’Assessore CAMPANILE: per chiarire questo punto senza nessuna provocazione. Adesso non ricordo se era in commissione consigliere Martinangeli, ma in Commissione abbiamo approfondito le stime e questa parte dove ricordo almeno due consiglieri che avevano chiesto l’approfondimento sulle stime, il Consigliere Sartini e se non mi sbaglio anche il consigliere Mandolini, abbiamo fatto delle valutazioni sulle stime, c’è una scheda tecnica proposta dal tecnico Andrea Apolloni e dal responsabile Marcantognini Maurizio dove hanno riferito e spiegato tutto, le valutazioni ad oggi, gli indici ISTAT, le percentuali di abbattimento del valore per le aree senza piani attuativi, il valore del rideterminato, la superficie in oggetto e anche il valore e hanno inserito anche le considerazioni dove si evince una compensazione in egual misura, dove parliamo di 1.000 euro come valore arrotondato, parlavamo di 916 euro, di 1.000 euro che riguarda la partita del Comune e 1.000 euro che riguarda la proprietà, nonostante la proprietà ci ceda otto metri e novantacinque rispetto a noi che ne prendiamo tre e venti, sono loro che prendono tre e venti. C’è stata anche una relazione del dirigente Filonzi che era presente in Commissione, quindi non è una ripicca, volevo solo chiarire, e anche l’emendamento è stato presentato, magari non è stato distribuito, questo non lo so perché non so se la segreteria aveva distribuito direttamente in Commissione l’emendamento, ma l’emendamento l’avevo già presentato io in Commissione dicendo che gli uffici avevano chiesto di inserire un ulteriore elemento legato alla patrimonializzazione di questi due pezzetti di aree che siccome vanno accatastati, siccome uno in sostanza va ceduto, se non è inserito all’interno delle partite legate alle alienazioni potrebbe avere problemi, e quindi l’emendamento che è tutto tecnico e non politico e che in sostanza corregge l’errore che hanno fatto gli stessi tecnici che pensavano che questa particella era già dentro il piano delle alienazioni, con questo emendamento andiamo ad evitare eventualmente contenziosi ma le richieste sono emerse dai proprietari e non dal Comune, si sono accorti i proprietari che c’era un errore. Ringrazio il Sindaco perché come diceva anch’io ho notato che ci sono tante situazioni, purtroppo molte volte in anni passati si costruivano le strade o si allargavano senza magari verificare bene catastalmente se era già tutto a posto, quindi è successo anche negli ultimi anni, succedono incidenti magari si scopre che quel pezzo era del Comune e quindi il Comune magari ha dei contenziosi ed è costretto magari anche a pagare se non regolarizza queste situazioni. Era solo per dire che c’è stato un passaggio in Commissione, potevamo invitare anche Marcantognini ma so che il dirigente è stata abbastanza esaustiva.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’emendamento n. 1 che viene approvato con 22 voti favorevoli, nessuno contrario, 1 astenuto (Martinangeli), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: dichiarazioni di voto sulla pratica.

Il Consigliere REBECCHINI (Unione Civica): voterò a favore della pratica, la pratica effettivamente è arrivata in Commissione, ho visto le carte, forse per una facilità di lettura e avendo all’inizio della mia carriera lavorativa lavorato all’ufficio tecnico erariale proprio all’approvazione dei frazionamenti per un paio d’anni, ho subito visto che c’era questa appropriazione da parte di un privato di tre metri e venti e da quello che ho capito invece l’appropriazione da parte del Comune di otto metri che ha costruito una strada sulla proprietà del privato per un equivalente di otto metri e novanta. Qualcuno evidentemente in origine ha sbagliato, non so se volutamente o non volutamente, però mi pare una permuta equa, il Comune acquisisce otto metri  e novanta e ne da al privato che lo usa come scoperto, proprio davanti all’abitazione ce l’ha già recintato, quindi secondo me è una riparazione di un errore che è stato compiuto illo tempore, però non penso che sia a danno del Comune, per questo motivo voto a favore.

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): approfitto anche per rispondere e concludere la dichiarazione che ho fatto prima. Indubbiamente è passato in Commissione, purtroppo evidentemente le comunicazioni non sono giunte, perché succede a volte che non giungano le comunicazioni, comunque non sono parte io della Commissione urbanistica, ovviamente riferisco quando partecipo alle mie Commissioni, faccio spesso comunicati anche sui resoconti, comunque al di là di questo ………

Il Presidente del Consiglio ROMANO: scusi Consigliere, Commissione Bilancio.

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): non faccio parte nemmeno della Commissione bilancio, ovviamente partecipo molto attivamente quando si tratta di Bilancio di previsione, di rendiconto dell’anno precedente e tutto il resto, ma al di là di questo la mia dichiarazione di astensione era una dichiarazione legata al fatto che la vendita o la permuta di un bene riguarda un atto di disposizione di beni che secondo me fa l’Amministrazione, se ne prende la sua responsabilità, valuta l’opportunità, quindi io mi prendo chiaramente la libertà e ritengo il diritto di astenermi.

Il SINDACO: non sarei intervenuto se non avessi sentito l’intervento ora del consigliere Martinangeli. Intanto questa è una prerogativa del Consiglio, quindi è il Consiglio comunale che penso faccia una cosa intelligente, ho già detto che dobbiamo fare una ricognizione attenta e puntuale su tutto il patrimonio e procedere, poi consigliere Martinangeli mi perdoni ma io guardo la composizione dell’Assise, siccome lei non ha un gruppo monocratico, chi va rappresenta tutti perché parliamo di coinvolgere i cittadini per coinvolgerli bisogna dare l’esempio di come coinvolgere gli altri due o tre o dodici, lo dico per me perché se no vuol dire che il lavoro della Commissione non è adeguato se non circolano le notizie e non si mettono in campo quelle operazioni che servono per avere il giusto erudimento all’interno dell’Assise, quello che facciamo oggi è banale, banale perché sono superfici che non incidono, ma domani potrebbe essere più importante, io mi astengo, non partecipo perché non abbiamo capito, io voglio che ci sia l’adeguato approfondimento Assessore, sempre, sulle pratiche che riguardano il patrimonio, sempre, perché i Consiglieri devono essere messi nelle condizioni di capire bene. Chiudo invitando l’assessore e il dirigente a provvedere a una ricognizione puntuale e accelerare tutte quelle procedure che mettono nelle condizioni di incrementare il nostro valore perché quando si cedono aree che il valore non l’hanno le altre l’acquisiscono di più al di là di quello che possiamo introitare e quindi l’area non e significativa ma ce ne possono essere tante altre che invece possono essere di carattere strategico.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica,  la proposta iscritta al punto 6 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari, così come emendata in corso di seduta, che viene approvata con 21 voti favorevoli, nessuno contrario, 1 astenuto (Martinangeli), 1 presente non votante (Sardella), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 21 voti favorevoli, nessuno contrario, 1 astenuto (Martinangeli), 1 presente non votante (Sardella), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 6 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alle Risorse Patrimoniali, Gennaro Campanile;
Premesso che:
-A seguito dei lavori eseguiti per l’allargamento di Via del Casale a Montignano avvenuta negli anni scorsi, è stata occupata una porzione di terreno di proprietà dei Sigg.ri Mancinelli Corrado - Verzolini Angela e Panoni Stefano, identificato catastalmente al Catasto Fabbricati al foglio 38, mappale 38 subalterni 1 e 3.
- Contestualmente alla ristrutturazione dei fabbricati adiacenti Via del Casale, nella fattispecie la realizzazione della recinzione, è stata occupata una porzione di terreno di proprietà comunale catastalmente identificata al Catasto Terreni al foglio 38 particella 416.
- Con nota prot. n. 311192 del 08/06/2010 e successiva del 03/06/2015 prot. n. 34483, i Signori Mancinelli e Verzolini fecero e rinnovarono la richiesta di permuta di tali aree con rinuncia al conguaglio accollandosi, oltretutto, la spesa relativa all’espletamento delle pratiche catastali.
- Con successiva nota prot. n. 84208 del 28/12/2015, su richiesta da parte dell’Ufficio Patrimonio, il Sig. Panoni Stefano comunicava di aderire alla richiesta di permuta formulata dai Sig.. Mancinelli e Verzolini e pertanto, con l’adesione, veniva preso atto della partecipazione e coinvolgimento alla permuta anche del Sig. Panoni finora mai formalmente coinvolto in tale pratica. 
- In base alla relazione di stima effettuata dall’Ufficio in data 2 marzo u.s. le aree sono così definite:
Area da acquisire (superficie pari a mq. 8,95)
L’area inserita nelle strade ricade nell’attuale P.R.G. nell’ambito del P.P. della frazione di Montignano, asserita a viabilità stradale ed iscritta al Catasto Fabbricati al foglio 38, mappale 38 subalterni 1 e 3: 
N. 1 come corte dell’abitazione al piano terra censita come A/2, classe 2, vani 4,5 e sub. 
N. 3 come bene comune non censibile ai sub. 1 e 2 facente parte della corte di ingresso con scala dal piano seminterrato al piano terra dell’u.i. (appartamento) facente parte del fabbricato adiacente. 
Tali porzioni di particella risultano intestate a Mancinelli Corrado, Verzolini Angela e Panoni Stefano.
Area da cedere (superficie pari a mq. 3,20)
L’area di proprietà comunale da cedere ai Signori Mancinelli e Verzolini, risulta identificata catastalmente come porzione della particella n. 416, adibita di fatto a corte privata della loro proprietà, viene considerata, come identificato dal  P.P. della frazione di Montignano, come area con tipologia di intervento attuale ripristino tipologico equiparabile ed assoggettabile alla destinazione urbanistica prevista come zona omogenea BR1 e zona territoriale di competenza n. 27
La citata relazione di stima, che si allega al presente atto ha determinato il valore di ogni singola area in Ђ 1.000,00.
Si precisa che l’art.12 comma 1-quater del D.L. 6/07/2011 n. 98 convertito nella legge 15/07/2011 n. 111, dispone che è consentito dall’anno 2014 alle amministrazioni pubbliche l’acquisto di beni immobili, purché sia attestata l’indispensabilità e l’indizionabilità dell’acquisto attestata dal responsabile del procedimento, nonché la congruità del prezzo attestata dall’Agenzia del Demanio.
- Rilevato che il caso in argomento trattandosi di permuta alla pari, risolvendosi nella mera diversa allocazione delle poste patrimoniali afferenti a beni immobili e qualificandosi come un’operazione finanziariamente neutra, non rientra nella fattispecie di cui all’art. 12 sopra citato, così come chiarito dalle varie sezioni della Corte dei Conti (Lombardia nn. 97/2014/PAR, 162/2013/PAR, 164/2013/PAR, 193/2013/PAR, Piemonte n. 236/2013/PAR, Liguria n. 9/2013/PAR, Veneto n. 155/2013/PAR, e Campania n. 205/2014/PAR.
- Vista la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Normativa e contenzioso -  n. 169/a del 1° Luglio 2009 con la quale l’Amministrazione Finanziaria ha di fatto mutato il regime fiscale Iva da applicarsi in tema di gestione degli immobili di proprietà degli Enti Locali; 
- Viste le risoluzioni dell’Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa – n. 27/E del 1° aprile 2010 e la n. 139/E del 29 dicembre 2010 che individuano nel compimento di una serie coordinata di atti economici, nonché delle dimensioni e della rilevanza economica complessiva dell’attività svolta dagli Enti locali i caratteri necessari e sufficienti per configurare un’attività come attività commerciale ai sensi dell’articolo 4, primo comma, del DPR 26 ottobre 1972, n. 633;
- Considerato che tali risoluzioni determinano quindi l’applicazione dell’IVA nelle procedure di alienazione di beni pubblici, che determinano quindi un importo di Ђ 1.000,00 + IVA 22% pari ad Ђ  1.220,00.
- Preso atto che la Giunta Municipale, nella seduta del 19/04/2016, ha espresso parere favorevole alla proposta di permuta.
- Ritenuto opportuno declassare da demanio comunale a patrimonio disponibile la porzione del mappale 416, oggetto di cessione, della superficie di m. 3,20, da identificarsi con successivo frazionamento;
Ritenuto pertanto opportuno:
- cedere ai signori Mancinelli Corrado nato a Corinaldo il 7/02/1954 C.F. MNCCRD54B07D007A residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a e Verzolini Angela, nata a Castelleone di Suasa il 1/03/1955 C.F. VRZNGL55C41C152Y, residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a , la porzione di mq. 3,20 della particella n. 416, del foglio 38, adibita di fatto a corte privata della loro proprietà, per la valutazione di Ђ 1.000,00 oltre IVA al 22% per un totale complessivo di Ђ 1.220,00.
- acquisire dai sigg.  Mancinelli Corrado nato a Corinaldo il 7/02/1954 C.F. MNCCRD54B07D007A residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a e Verzolini Angela, nata a Castelleone di Suasa il 1/03/1955 C.F. VRZNGL55C41C152Y, residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a, Panoni Stefano nato in Ancona il 16/08/1971, C.F. PNNSFN71M26A271P, residente a Senigallia in via Cupetta n. 51, l’area di mq. 8,95 circa, asserita a viabilità stradale ed iscritta al Catasto Fabbricati al foglio 38, mappale 38 subalterni 1 e 3, per la valutazione di Ђ 1.000,00, fermo restando a carico degli stessi ogni onere per la redazione del necessario frazionamento e relativi atti catastali.
- Ritenuto di provvedere in merito;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) – DI PRENDERE E DARE ATTO di quanto in premessa;
2°) – DI DECLASSARE da demanio comunale a patrimonio disponibile la porzione del mappale 416, oggetto di cessione, della superficie di mq. 3,20, da identificarsi con suvvessivo frazionamento;
3°) – DI CEDERE ai signori Mancinelli Corrado nato a Corinaldo il 7/02/1954 C.F. MNCCRD54B07D007A residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a e Verzolini Angela, nata a Castelleone di Suasa il 1/03/1955 C.F. VRZNGL55C41C152Y, residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a , la porzione di mq. 3,20 della particella n. 416, del foglio 38, adibita di fatto a corte privata della loro proprietà, per la valutazione di Ђ 1.000,00 oltre IVA al 22% per un totale complessivo di Ђ 1.220,00, meglio identificata in colore giallo nella planimetria che allegata al presente atto che ne forma parte integrante e sostanziale
4°) – DI ACQUISIRE dai sigg.  Mancinelli Corrado nato a Corinaldo il 7/02/1954 C.F. MNCCRD54B07D007A residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a e Verzolini Angela, nata a Castelleone di Suasa il 1/03/1955 C.F. VRZNGL55C41C152Y, residente a Senigallia via Garibaldi Marzocca n. 32/a, Panoni Stefano nato in Ancona il 16/08/1971, C.F. PNNSFN71M26A271P, residente a Senigallia in via Cupetta n. 51, l’area di mq. 8,95 circa, asserita a viabilità stradale ed iscritta al Catasto Fabbricati al foglio 38, mappale 38 subalterni 1 e 3, per la valutazione di Ђ 1.000,00, meglio identificata in colore azzurro nella planimetria che allegata al presente atto che ne forma parte integrante e sostanziale, fermo restando a carico degli stessi ogni onere per la redazione del necessario frazionamento e relativi atti catastali.
5°) - DI DARE MANDATO all’Ufficio Patrimonio di provvedere, con successivi e separati atti, secondo le vigenti normative, a quanto necessario per l’espletamento della permuta sopraccitata;
6°) - DI DARE MANDATO al Dirigente Area Organizzazione e Risorse Finanziarie, per dare concreta attuazione al presente atto, e di intervenire e sottoscrivere i conseguenti atti, ai sensi dell’art. 107 comma 3 del D.Lgs n. 267 del 18/08/2000;
7°) - DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      

Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 25 luglio 2016 al 9 agosto 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 10 agosto 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 5 agosto 2016, essendo stata pubblicata il 25 luglio 2016
Lì, 8 agosto 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,