Senigallia Atto

Modifiche al regolamento comunale dei rifiuti e delle stazioni ecologiche

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2012/68 del 18 luglio 2012

Presentazione
Approvazione
18.7.2012

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore con delega a: Ambiente, Mobilità, Trasporto Pubblico, Sport, Politiche Giovanili, Frazioni
    Monitorato da 18 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 68 
Seduta del 18/07/2012
OGGETTO:	MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI E DELLE STAZIONI ECOLOGICHE
L’anno duemiladodici addì diciotto del mese di luglio alle ore 16:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-17 Marcantoni Fabrizio-*2 Antonacci Monica *-18 Marcellini Massimo-*3 Battisti Paolo-*19 Mazzarini Alessandro-*4 Brucchini Adriano*-20 Monachesi Enzo*-5 Bucari Simonetta*-21 Paradisi Roberto-*6 Bucci Vania*-22 Pergolesi Enrico*-7 Cameruccio Gabriele-*23 Perini Maurizio*-8 Cicconi Massi Alessandro-*24 Quagliarini Luciano*-9 Donatiello Giulio*-25 Ramazzotti Ilaria*-10 Fiore Mario*-26 Rebecchini Luigi C.D.*-11 Giacchella Massimiliano-*27 Rimini Enrico-*12 Girolametti Carlo*-28 Romano Dario*-13 Gregorini Mauro*-29 Salustri Maurizio*-14 Magi Galluzzi Lorenzo*-30 Sardella Simeone*-15 Mancini Roberto*-31 Sartini Oliviano*-16 Mangialardi Maurizio-*T O T A L E     P R E S E N T I    N° 21

 Shamsuddin BhuiyanConsigliere Straniero Aggiunto-* Md Abdur KaiumConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Campanile Gennaro, Curzi Paola, Meme' Maurizio, Paci Francesca Michela, Schiavoni Stefano
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Enzo Monachesi nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Antonacci Monica; 2° Romano Dario;  3° Pergolesi Enrico .

Il Consigliere MAGI GALLUZZI (PD): Per richiedere l’inversione dell’ordine del giorno relativamente al punto 9, per poterlo discutere dopo il punto 6 e prima del punto 7.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: La proposta del Consigliere Magi Galluzzi è anticipare il punto 9 e metterlo in coda al punto 6.

Il Consigliere REBECCHINI (RC): Dovendo votare con cognizione di causa chiedo il motivo.

Si dà atto che esce il Consigliere Ramazzotti: Presenti con diritto di voto n. 20.

Il Consigliere MAGI GALLUZZI (PD): Siccome il Sindaco relatore della pratica è assente, per tematica è attinente alle competenze dell’Assessore Campanile che relaziona la n. 6, aveva chiesto di poterla di discuterla in sequenza, quindi è questa la motivazione molto semplice che credo possa trovare il suo parere favorevole.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta di inversione dell’ordine del giorno che viene approvata con 16 voti favorevoli, 1 contrario (Rebecchini), nessuno astenuto, 3 presenti non votanti (Antonacci, Mancini, Perini) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI enuncia l’argomento iscritto al punto 6 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI E DELLE STAZIONI ECOLOGICHE e concede la parola all’Assessore alla Città Sostenibile, Gennaro Campanile, per la relazione introduttiva, ricordando che è un argomento che ritorna in Consiglio dopo essere stato maggiormente approfondito in Commissione.

Il Consigliere GIROLAMETTI (Città Futura): Mi scusi Presidente ma visto che la mozione presentata dal Sindaco e dal consigliere Giacchella è stata, se ho capito, momentaneamente sospesa e rimandata ad altro Consiglio, qualora fosse possibile invece sempre in questa seduta, data la possibile presenza del Sindaco, così come ci ha detto, più tardi cioè se se fosse possibile metterla in coda agli argomenti del giorno.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: È già stata dichiarata decaduta, quindi non è possibile. E poi notizie che abbiamo noi non sono quelle che ha lei.

L’Assessore CAMPANILE: Riportiamo in Consiglio comunale una proposta di delibera che riguarda le modifiche al regolamento comunale per la gestione integrata dei rifiuti e delle stazioni ecologiche. Non relaziono di nuovo la proposta che già in Consiglio comunale era stata illustrata e anche in Commissione consiliare, ringrazio il Presidente Ramazzotti e i commissari che su questa proposta di delibera hanno dato tanti contributi e sicuramente hanno migliorato questo atto, lo hanno reso più consono e ci auguriamo che questi servizi che verranno utilizzati nel nuovo appalto potranno garantire sicuramente elevati parametri di efficienza e anche una nuova e una migliore qualità di servizi per la raccolta di rifiuti.
Avevamo in commissione verificato una serie di criticità che potevano esserci con appunto questa modifica di Regolamento che vuole portare un’innovazione, quindi in sostanza con l’articolo 16, nel prossimo appalto sarà possibile conferire con il servizio di raccolta porta a porta per le utenze domestiche, quindi per tutti i cittadini della nostra città, quindi per le 23.000 utenze domestiche, accanto all’organico anche piccoli sfalci d’erba e piccole potature. Il dibattito che si era aperto in Consiglio comunale così come in Commissione, era qual era la quantità giusta da poter conferire o mettere accanto al cassonetto dell’organico, e una prima proposta che era quella degli uffici, diciamo dei tecnici, era quella di poter conferire accanto all’organico una quantità circa pari a dieci litri, quindi ad un contenitore pari a quello dell’organico, ma per noi, per tutti noi questa è risultata inadeguata. Perché comunque anche se si fanno delle piccole potature, dei piccoli sfalci d’erba, anche se uno ha un piccolo giardino, diciamo una quantità minima è intorno ai cinquanta litri. Ho raccolto la proposta del Consiglieri che hanno chiesto questa modifica, il primo emendamento che era stato presentato, sia dall’ufficio che dalle minoranze, e quindi i due emendamenti che, Presidente, sono presenti dal vecchio Consiglio comunale, saranno ritirati per un nuovo emendamento che, su indicazione di tutti i Gruppi consiliari che erano presenti in Commissione, sarà quello appunto di modificare la quantità che è possibile conferire accanto al cassonetto dell’organico di cinquanta litri rispetto ai dieci che erano stati presentati. Un miglioramento sicuramente ulteriore a questo nuovo bando.
Ricordo a tutti che questa modifica si è resa necessaria perché nel vecchio Regolamento, quello approvato il 17 dicembre 2008 per la gestione integrata dei rifiuti e delle stazioni ecologiche, nei quattro anni intercorsi da questa attivazione del sistema di raccolta porta a porta, si è ritenuto opportuno apportare alcune modifiche al Regolamento. Da ottobre elimineremo come ho già detto, per far diventare un Porta a Porta integrale, quindi in tutto il territorio, i contenitori stradali che sono ormai oggetto purtroppo di discariche abusive, così come elimineremo le isole ecologiche che ancora sono sparse nelle frazioni per dare la possibilità appunto a tutti i cittadini di tutte le frazioni e quindi di tutto il territorio di essere serviti come sono serviti i cittadini dei centri storici e delle frazioni più importanti. Una novità importante, era necessario modificare quindi questo Regolamento eliminando le voci che richiamavano ai contenitori stradali così come richiamavano alle isole ecologiche.
Mi sembra che quello che è stato relazionato in Commissione sia un importante passo avanti anche per far capire quanto di buono si sta facendo riguardo le buone pratiche e soprattutto riguardo ai rifiuti. Abbiamo purtroppo queste difficoltà dei servizi che sono state segnalate da tutti, che sta attraversando la ditta Aimeri S.r.l. e che si stanno ripercuotendo sui servizi di raccolta, purtroppo. Abbiamo chiesto tanti chiarimenti e aggiornamenti, ci auguriamo veramente che con il nuovo appalto potremmo garantire veramente questi elevati parametri di efficienza e soprattutto offrire una maggiore qualità di servizi di raccolta che si sono ulteriormente incrementati con un nuovo Centro Ambiente che non era presente prima nella nostra città e che ora insiste sulla Arceviese, un servizio tra l’altro graditissimo da tantissimi cittadini che ogni giorno conferiscono dei rifiuti all’interno del nostro nuovo Centro Ambiente del Comune di Senigallia, così come per i nuovi servizi che si stanno offrendo, e soprattutto per le grandi campagne di sensibilizzazione ed informazione che il CIR 33 nelle scuole ma anche in tutto il territorio sta portando avanti. 
Ad oggi la raccolta differenziata nonostante i tanti disservizi che sono stati segnalati da più volte dal Consiglio comunale e da tutti voi, è al 63%, quindi il percorso di crescita e di sensibilizzazione soprattutto di responsabilizzazione da parte dei cittadini è sempre in aumento, ricordo che fino al 2007 Senigallia aveva una raccolta differenziata pari al 17% e ad oggi siamo al 63%, quindi un risultato importantissimo che chiaramente va verso quell’obiettivo importante che è per quest’anno, in base alle direttive europee, del 65%, sappiamo che con l’eliminazione dei contenitori stradali in tutto il territorio e con le isole ecologiche, avremo un’ulteriore miglioramento rispetto a questo.
Ringrazio anche i Consiglieri che hanno stimolato l’Amministrazione comunale, ma anche il CIR 33 a portare avanti delle azioni che possono farci recuperare delle percentuali rispetto a questo, penso alle valutazioni che sono emerse attraverso le compostiere che sono distribuite ormai a più di mille duecento famiglie, e che con il prossimo appalto abbiamo inserito anche altre nuove mille compostiere che potranno essere distribuite ai nostri cittadini per arrivare a quel traguardo che è un traguardo appunto importante dei rifiuti zero. Sono tante le azioni che vengono proposte e io credo che se questo nuovo appalto sarà vinto da una ditta che potrà garantirci, come stiamo facendo e come sta facendo il CIR 33  che si occupa appunto di indire la gara e che a giorni consegnerà una nuova ditta per questa nuova gestione, credo che noi riusciremo ad arrivare, attraverso il contributo di tutti voi e soprattutto a questa nuova consapevolezza che c'è con questo ciclo integrato dei rifiuti e che prima non c’era, a questo traguardo che tutti noi ci auspichiamo di arrivare che appunto è per il 2012 il 65%.

Si dà atto che entra il Consigliere Cicconi Massi: Presenti con diritto di voto n. 21.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: Apriamo la discussione sulla pratica registrando quindi la volontà di ritirare da parte della Giunta l’emendamento, mi pare di aver capito che c'è l’accordo anche del gruppo del PPE-PDL di ritirare il proprio, presentati nella passata seduta.

Si dà atto che entrano i Consiglieri Cameruccio e Mazzarini: Presenti con diritto di voto n. 23.

Il Consigliere REBECCHINI (RC): Chiedo scusa se mi è sfuggito qualcosa, si ritira l’emendamento ma è stato messo nel Regolamento. 

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: Non questo Rebecchini, quello che è stato presentato è il nuovo emendamento che è il frutto del lavoro del maggior approfondimento in Commissione. vengono ritirati i due emendamenti che erano stati presentati nel Consiglio Comunale passato, che quindi vengono annullati da questo.

Il Consigliere REBECCHINI (RC): Adesso discutiamo di questo emendamento o della pratica generale?

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: Adesso stiamo discutendo la pratica in generale.

Il Consigliere REBECCHINI (RC): Mia intenzione appunto intervenire sulla pratica in generale. Assessore lei prima mi ha apostrofato come il solito, tra virgolette, volendo forse sminuire la mia attività e il mio impegno, ma non le riesce questo Assessore, per tanti motivi, il primo è che ogni mia osservazione è puntuale, verificata, verificabile. Secondo motivo è che assai spesso alle mie critiche, alle mie osservazioni, seguono anche delle proposte. Anche in Commissione per esempio sul fatto dei cinquanta litri di sfalcio, cioè portare il verde da dieci litri a cinquanta, mi ero espresso, non solo in Commissione mi ero espresso, ma anche nelle discussioni passate qui in Consiglio, perché vedete questo Regolamento io dico finalmente l’Amministrazione prende atto delle cose che non andavano bene, che sono state dette qui in Consiglio dal sottoscritto ma anche da altri consiglieri dell’opposizione, questo del verde è un tema che è stato ripetuto più volte qui in Consiglio, quando si diceva guarda i cittadini non sanno, non possono perché nessuno riceve questo verde, perché ci sono gli anziani che non possono andare al Centro Ambiente, e poi abbiamo avuto anche un periodo che il Centro Ambiente era chiuso, per cui queswto verde da qualche parte si doveva sistemare.
Tornando alla questione più generale assessore io penso che sul passato che ancora stiamo vivendo, beh siamo se non al fallimento totale, ma a un discreto fallimento. Discreto fallimento perché non siamo stati capaci di raggiungere il 60% di differenziata, per cui c'è stata una punizione verso i cittadini che dovranno pagare di più la TARSU, c’era stato detto all’inizio che la tassa rifiuti sicuramente sarebbe risultata inferiore, c’era stato detto che la città sarebbe stata più pulita in assenza dei cassonetti, con il porta a porta, come dovrebbe essere in verità, e come in molte realtà è, sarebbe stata più pulita, invece vediamo su molte vie cittadine, limitrofe al centro storico, nelle periferie, quindi non solo nelle periferie estreme ma anche sulle vie limitrofe al centro storico, rifiuti dappertutto. Adesso ci dite che purtroppo la colpa è di questa ultima società la Aimeri che è subentrata alla Manutencoop. Ma io vorrei ricordare al Consiglio che questa società, è stato il CIR 33 a conferire questi incarichi, la Manutencoop, questa grande cooperativa, credo sia della Lega, oggi purtroppo essere o appartenere alla lega non è più sinonimo di qualità e di sicurezza come lo era molti anni fa, le vecchie cooperative, che davano garanzie, la Manutencoop aveva preso questo appalto, poi ha venduto praticamente questa attività non gli interessava più, aveva altre questioni da seguire, e l’ha venduta alla Aimeri, a questa società che ci ha messo nei guai. Raccolta che non si fa, spesso si saltano le giornate, si saltano le raccolte, insomma una città che è diventata problematica dal punto di vista della raccolta rifiuti,
Io mi auguro che nel prossimo appalto ci sia molta oculatezza, molto oculatezza da parte dell’Amministrazione per non ritrovarsi poi di nuovo in questioni molto precarie. Mi verrebbe da dire si rimpiange la vecchia raccolta effettuata, o meglio si rimpiange l’attività svolta direttamente dal Comune, io penso a un porta a porta effettuato dal comune, avrebbe dato sicuramente risultati positivi, però oggi ormai in data lontana si è deciso di privatizzare, il privato è bello, il privato funziona di più, tutte queste belle, o meglio baggianate, che mostrano oggi il loro vero volto, è la verità dei fatti, quindi io mi auguro adesso che nel prosieguo non si abbiano più a vedere queste situazioni che in questa estate, in quest’inverno, negli anni che abbiamo appena trascorso, abbiamo dovuto sopportare come cittadini, e che i cittadini hanno dovuto sopportare, pur pagando una TARSU elevata, quest’anno è aumentata del 6,5%, con un servizio peggiorato. Allora a questo punto mi viene in mente l’attività che svolgono alcuni Comuni in Italia, dove, questo andrebbe approfondito, andrebbe studiato, dove molti Comuni riescono a diminuire la TARSU con la differenziata. Io non so se è per via del numero inferiore di abitanti, eccetera, ma proprio ieri, di solito le regioni del sud vengono nominate quando ci sono brutte cose, quando c’è un cattivo amministrare, oppure succedono fatti di cronaca nera, ieri invece in televisione hanno mostrato un comune virtuoso della Calabria che ha attivato la raccolta differenziata con il porta a porta e la effettua direttamente, non solo, ma riesce a pesare il rifiuto di ogni singola famiglia, di ogni singolo cittadino, abbiamo visto il Sindaco mostrare gli adesivi con un codice a barre, questi adesivi vengono consegnati ai cittadini che su ogni sacchetto dei rifiuti mettono questo codice a barre e in tempo reale l’Amministrazione riesce a sapere la qualità, la quantità, chi ha effettuato la differenziata, si possono effettuare i controlli, e così via. Ma la cosa più importante che voglio sottolineare è che la tassa rifiuti è diminuita per loro, noi invece la tassa, nonostante la differenziata, aumenta. Questo Sindaco diceva la carta, la plastica, l’alluminio, sono una ricchezza, per cui noi la vendiamo e riusciamo ad abbassare la tassa rifiuti. Io non so come hanno fatto, andrebbe studiato. Anche alcuni Comuni del bellunese, da una parte estrema d’Italia all’altra, dove avviene la stessa cosa.
Sulla pratica in generale chiaramente non mi sento di approvarla proprio per questo motivo, pur condividendo alcuni aspetti come questo che dicevo prima dell’emendamento che abbiamo qui davanti, però in generale finché non si vede un abbassamento preciso della tassa rifiuti, io questa pratica non mi sento di votarla in maniera positiva.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: Se non ci sono altri interventi facciamo presentare all’assessore l’emendamento che di fatto ha già presentato, però ufficializziamo il ritiro degli altri due emendamenti presentati nella passata seduta e quindi lasciamo all’Assessore presentare il nuovo emendamento.

L’Assessore CAMPANILE: L’emendamento alla proposta di deliberazione del Consiglio comunale avente per oggetto: Modifica al regolamento comunale per la gestione integrata dei rifiuti e delle stazioni ecologiche;  vista la proposta avente per oggetto: modifiche del regolamento per la gestione integrata dei rifiuti delle stazioni ecologiche ed in considerazione di quanto proposto nel corso della terza Commissione Consiliare tenutasi l’8 giugno 2012 per esaminare i contenuti della proposta suddetta, si propone di modificarla come di seguito indicato: nell’articolo 16 comma 1 sostituire la frase seguente ad esempio un bidone da dieci litri di dimensioni simile a quello dell’organico con la frase seguente che non deve essere posta tra parentesi avente volumetria massima di cinquanta litri. Quindi in sostanza quando verrà ritirato il cassonetto dell’organico si potrà mettere vicino una quantità di piccole potature e di sfalci pari a cinquanta litri che diciamo è indicativamente una quantità alta quanto una poltrona, una quantità importante. Ringrazio la Commissione e il Consiglio comunale per questo contributo.

Il Consigliere MANCINI (Partecipazione): La mia è una questione procedurale, siccome non vorrei che rappresentasse un precedente, a parte il fatto che gli emendamenti devono essere presentati dai presentatori, gli assessori è una gentile concessione che facciamo all’Amministrazione, a norma del Regolamento vengono presentati da chi li firma, chi lo firma è assente, se devono essere presentati da chi lo firma, chi lo firma deve essere presente. Questo emendamento a rigor di Regolamento non può essere accettato a meno che altri della maggioranza, il Presidente della Commissione, lo firmano e lo presentano. Mi pare un esercizio di pulizia, si discute un emendamento di un presentatore che non c'è, il presentatore deve essere presente per definizione. Non vorrei che poi dopo siccome il presentatore è particolare, magari capitasse a me, non lo so se mi fate presentare un emendamento da casa, quindi è sufficiente che il Presidente del Commissione in rappresentanza di tutti i Gruppi lo firma e diventa l’emendamento del Presidente della Commissione, di solito si dice che la forma è sostanza.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: Penso che l’intervento di Mancini sia corretto, penso che si possa effettivamente ovviare a ciò con la firma del Presidente della Commissione, che non è presente, quindi io direi i componenti della Commissione, visto che comunque il percorso di questo emendamento è condiviso. Io pregherei i componenti della Commissione di venire qui e firmare l’emendamento. Comunque per precisione, Mancini, l’emendamento è stato depositato precedentemente, abbiamo giustificato il Sindaco che rappresenta il Comune in una riunione importante, abbiamo anche detto che spesso il Sindaco lo abbiamo lasciato delegare agli assessori nella presentazione delle pratiche.

Si dà atto che entra il Consigliere Rimini: Presenti con diritto di voto n. 24.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’emendamento n. 1 che viene approvato con 23 voti favorevoli, nessuno contrario, nessuno astenuto, 1 presente non votante (Mazzarini) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 6 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari, così come emendata in corso di seduta, che viene approvata con 19 voti favorevoli, nessuno contrario, 4 astenuti (Antonacci, Mancini, Perini, Rebecchini), 1 presente non votante (Mazzarini) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 18 voti favorevoli, nessuno contrario, 4 astenuti (Antonacci, Mancini, Perini, Rebecchini), 2 presenti non votanti (Mazzarini, Sardella) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 6 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alla Città Sostenibile, Gennaro Campanile;
Premesso che:
- con deliberazione di Consiglio Comunale n. 130 del 17/12/2008 è stato approvato il Regolamento comunale per la gestione integrata dei rifiuti e delle stazioni ecologiche;
- per quanto evidenziato nei quattro anni intercorsi dall’attivazione del sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti si reputa opportuno apportare alcune modifiche al Regolamento suddetto 
- Preso atto del seguente parere favorevole reso ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Tecnica Territorio Ambiente;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI APPORTARE le seguenti modifiche al Regolamento suindicato:
Art. 1 comma 3. b): la frase fra le parentesi va così cambiata: (es. domiciliare, presso le  isole o le stazioni ecologiche)

Art. 2: aggiungere all’elenco delle definizioni le seguenti voci: 
-	MATERIALI RICICLABILI: tutti i materiali riutilizzabili e/o oggetto di raccolta differenziata specificati nel presente Regolamento; 
-	RESIDUO SECCO URBANO: frazione del rifiuto urbano non ulteriormente riciclabile;
-	MATERIALI COMPOSTABILI: materiali che, ai fini del trattamento biologico, rispettano la norma UNIEN 13432;
-	ISOLA ECOLOGICA: area non presidiata ma delimitata da recinzioni fornita di contenitori per la raccolta differenziata, della quale possono servirsi solo utenze non domestiche individuate dall’Amministrazione Comunale in accordo con il Consorzio Intercomunale Vallesina-Misa (c.d. CIR33);
-	STAZIONE ECOLOGICA: dopo l’ultimo periodo aggiungere: per le esatte tipologie di rifiuti conferibili, si rimanda all’apposito Regolamento;
Eliminare dall’elenco le voci: RACCOLTA STRADALE e RACCOLTA DI PROSSIMITA’ O DI AFFERENZA.

Art 6 comma 9 va così riscritto: Il Consorzio, in accordo con il Comune, introduce in funzione del tipo di utenza e della conformazione urbanistica del proprio territorio le seguenti modalità di raccolta e conferimento:
-	conferimento presso stazione ecologica comunale; 
-	ritiro a domicilio con sistema di raccolta porta a porta attraverso appositi contenitori;
-	ritiro su chiamata fissando l’appuntamento alla centrale operativa del soggetto Gestore;
-	ritiro presso isole ecologiche riservate a gruppi di utenze non domestiche identificate e preventivamente autorizzate dall’Amministrazione Comunale in accordo con il Consorzio.
-	Il conferimento presso le stazioni ecologiche dovrà avvenire secondo le tempistiche e le modalità indicate nel centro di raccolta stesso. 
-	Il ritiro a domicilio (porta a porta) consiste nella raccolta dei rifiuti presso le singole utenze sia domestiche che non domestiche in giorni e orari prefissati con l’obbligo da parte dei cittadini di:
-	differenziare correttamente i rifiuti secondo le varie tipologie. La mancata osservanza dei criteri di differenziazione è sanzionata secondo quanto previsto dall’art. 58;
-	utilizzare i contenitori assegnati dal Gestore e in ogni caso non utilizzare contenitori di altre utenze. La mancata osservanza dei criteri d’uso dei contenitori assegnati è sanzionata secondo quanto previsto dall’art. 58;
-	esporre i contenitori, secondo il calendario prestabilito, all’esterno dell’area privata, nell’immediata prossimità degli ingressi o più lontana ma solo se autorizzata dal Gestore del servizio; 
-	ritirare i contenitori dal suolo pubblico, dopo l’avvenuto svuotamento, il più celermente possibile;
-	custodire i contenitori ricevuti all’interno delle pertinenze dell’immobile; 
-	provvedere alla pulizia e manutenzione dei contenitori in modo da tenerli sempre in buono stato d’uso, garantendone decoro e fruibilità.
Il ritiro su chiamata deve avvenire attraverso l’esposizione del rifiuto dopo le ore 20:00 del giorno precedente quello fissato per l’intervento, indicando il numero civico da cui proviene il materiale, i pezzi e la data fissata per il ritiro.
L’esposizione deve avvenire su suolo pubblico o nell’immediata prossimità di questo, libero da impedimenti al ritiro e senza che le operazioni di esposizione e recupero costituiscano pericolo per le persone.
Il conferimento presso le isole ecologiche riservate deve avvenire secondo le modalità descritte dal presente Regolamento e/o riportate sui contenitori. 

Art. 7 comma 1: alla voce RAEE aggiungere: completi delle parti elettriche e meccaniche;
togliere la voce scarti tessili e rettificare la frase con vestiti, scarpe e borse in buono stato

Art 8 comma 2. b) diventa: il conferimento di rifiuti in contrasto con le disposizioni e le modalità descritte dal presente Regolamento;
Art. 8 comma 2. c) diventa: il conferimento di rifiuti differenziabili (ai sensi dell’art. 7) all’interno dei contenitori per la frazione residua non riciclabile e dei rifiuti non riciclabili e/o in forma non separata all’interno dei contenitori per la raccolta differenziata;
Art 8 comma 2. j) diventa: il deposito di qualsiasi tipo di rifiuto al di fuori dei contenitori forniti alle utenze e delle isole ecologiche riservate;

Art. 12 comma 1 diventa: Fatte salve le norme di Legge in vigore, sono ritenuti assimilabili ai rifiuti urbani le tipologie di rifiuti speciali comprese nel sottostante elenco:
Imballaggi in genere (carta, cartone, plastica, legno metalli e simili)Contenitori vuoti (vuoti di vetro, plastica e metallo, latte e lattine e simili)Sacchi e sacchetti di carta o plastica; fogli di carta, plastica, cellophane, cassette, palletsAccoppiati quali carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di carta metallizzata e similiFrammenti e manufatti di vimini e sugheroPaglia e prodotti di pagliaFrammenti di legno provenienti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segaturaFibra di legno e pasta di legno anche umida, purché palabileMoquettes e tappezzerie Manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e similiScarti in genere di produzione di alimentari purché non allo stato liquido, quali ad esempio scarti di caffè, scarti dell’industria molitoria e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, purché privi di imballaggio e già trasformati se di origine animale, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi  Scarti vegetali in genere (erbe, fiori, piante, verdure ecc.)Residui vegetali provenienti dall’estrazione di principi attivi
Art. 13 comma g): la parola stradali è sostituita da situati all’interno delle isole ecologiche

Art 14 comma 1 va così riscritto: Il servizio consiste nella raccolta "porta a porta" dei rifiuti posti in contenitori e/o sacchetti specifici o in mucchi opportunamente legati e/o raccolti a seconda della tipologia da conferire. I rifiuti dovranno essere depositati al piano terra dello stabile sede del produttore, nella parte esterna dell’eventuale recinzione lungo il marciapiede o la strada. Nei casi in cui il materiale esposto non sia conforme ai criteri di differenziazione e raccolta vigenti, previa segnalazione scritta e motivata degli addetti al controllo, il Gestore del servizio potrà non procedere al ritiro del rifiuto finché l’utenza assegnataria della dotazione non avrà provveduto in merito; 
Art. 14 comma 5 nella seconda riga la parola potranno va sostituita con la parola dovranno. Inoltre la voce va completata con: Qualora l’esposizione costituisca pericolo o intralcio al  transito veicolare, le utenze di cui sopra dovranno concordare con il Gestore modalità e punto di esposizione; 

Art. 15  il titolo va cambiato come segue: Servizio di raccolta dalle isole ecologiche
Art 15 comma 1: togliere il quarto punto. Al quinto punto togliere dal Gestore
Art. 15 comma 2: va tolto
Art. 15 comma 4: va tolto

Art. 16 comma 1 aggiungere: Nel giorno previsto per il ritiro della frazione organica, accanto al contenitore dedicato a questa tipologia, l’utenza potrà esporne uno aperto avente volumetria massima di cinquanta litri, contenente sfalci d’erba, residui di potature, foglie e scarti di verde in genere.

Art 17 comma 1 sostituire la frase: o con il sistema di prossimità o afferenza con la frase: o tramite le isole ecologiche riservate
Art. 17 comma 3 sostituire la frase: appositi sacchetti a perdere con la frase appositi sacchetti compostabili
Art. 17 comma 6 togliere la frase: La pulizia dei contenitori stradali sarà effettuata periodicamente a cura del Gestore, mentre

Art. 19 comma 1 togliere la frase: con contenitori stradali collocati opportunamente sul territorio o e, dopo provvedimenti attuativi, aggiungere la frase: oppure nelle stazioni ecologiche.
Art. 19 comma 5 togliere la frase: La pulizia dei contenitori stradali sarà effettuata periodicamente a cura del Gestore, mentre

Art. 19 comma 6 (da aggiungere): La frazione carta conferita negli appositi contenitori dovrà essere sfusa; è assolutamente vietato utilizzare sacchetti di qualsivoglia materiale diverso dalla carta.

Art. 20 comma 1 togliere la frase: con appositi contenitori stradali collocati o e, dopo provvedimenti attuativi, aggiungere la frase: oppure nelle stazioni ecologiche.
Art. 20 comma 3: va tolto
Art. 20 comma 5 togliere la frase: La pulizia dei contenitori stradali sarà effettuata periodicamente a cura del Gestore, mentre
Art. 20 comma 6 (da aggiungere): La frazione vetro conferita negli appositi contenitori dovrà essere sfusa; è assolutamente vietato utilizzare sacchetti di qualsivoglia materiale.

Art. 21 comma 1 togliere la parola prevalentemente
Art. 21 comma 5 togliere la frase: La pulizia dei contenitori stradali sarà effettuata periodicamente a cura del Gestore, mentre

Art. 22 comma 4 togliere la frase e per le utenze non domestiche
Art. 22 comma 7 togliere la frase: anche a fianco di cassonetti stradali (dove presenti)

Art. 28 comma 1 togliere la frase: ,se presenti,

Art. 43 comma 2 da riformulare aggiungendo la frase in grassetto: (omissis)...sono tenuti a richiedere le necessarie autorizzazioni agli Uffici comunali preposti, allegando il programma delle iniziative e indicando le aree che si intendono effettivamente occupare, e a concordare con il Gestore modalità e tipologia di raccolta, allo scopo di organizzare in modo corretto il servizio di asporto dei rifiuti prodotti durante la manifestazione.

Art. 43 comma 4 (da aggiungere): I soggetti organizzatori di feste, manifestazioni, sagre ecc. di cui al comma 2 sono tenuti all’osservanza del presente Regolamento per la gestione integrata dei rifiuti e rispondono di eventuali irregolarità riscontrate.

2°) - DI DARE ATTO che dal presente provvedimento non derivano impegni di spesa;
3°) - DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
     


Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Enzo Monachesi	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 7 agosto 2012 al 22 agosto 2012 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 23 agosto 2012	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 18 agosto 2012, essendo stata pubblicata il 7 agosto 2012
Lì, 20 agosto 2012	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,